Location e posizione
Tipologia ricettiva
Nome struttura
Quartiere, area o città
...in un raggio di:
5 Km
10 Km
15 Km
+15 Km
Servizi
Opzioni aggiuntive
Fascia di costo
Minimo
Massimo
Indicare i prezzi desiderati sulla base del costo per notte, per persona.

Curiosità su Napoli

In questa pagina presentiamo le principali curiosità di Napoli, con aneddoti e credenze che rendono ancora più suggestiva questa magnifica città ...
In questa pagina vi presentiamo alcune curiosità sulla splendida città di Napoli.

Città di magia, superstizioni e numeri

Napoli è una città di magia, superstizioni e numeri, come scriveva Matilde Serao: "Tutte le superstizioni sparse nel mondo sono raccolte in Napoli e ingrandite ...". Nella città partenopea le credenze popolari diventano parte integrante della cultura, infatti, si dice che per i suoi vicoli si aggirino 'o munaciello (spiritello dispettoso) e 'a bella 'mbriana (spirito benigno). 

La superstizione indica la credenza che gli eventi futuri possano essere influenzati da determinati comportamenti o oggetti, senza alcuna relazione tra di essi, e a Napoli, dove a tutto c’è rimedio, sono numerosi gli scongiuri e gli amuleti che vengono utilizzati contro la "jettatura". Oltre alle celebri formule antimalocchio, i napoletani sono legati a diversi talismani quali il ferro di cavallo, il gobbetto (‘o scartellato nella Smorfia Napoletana), il numero 13, la corona d’aglio, il peperoncino ed in particolare le corna ed il corno. Il gesto di fare le corna è utilizzato per mandare via la malasorte, mentre, al corno vengono attribuiti determinati poteri di allontanamento delle influenze maligne a patto che esso sia di colore rosso, fatto a mano, storto e a punta.

Napoli è una città molto legata anche ai numeri, infatti, l’originalità della superstizione in questa città sta nel gioco del Lotto e nella lettura della Smorfia, a cui i napoletani si affidano per interpretare i sogni, ma anche i fatti quotidiani, in termini di numeri da giocare al Lotto. In particolare, per la smorfia il 17 è "la disgrazia" e abbinato al venerdì è ritenuto dai napoletano molto sfortunato.